Addio Google Places, benvenuto Google+ Local

31 Maggio 2012 13:07:39. Scritto da . 0 commenti
Condividi questo articolo con i tuoi amici. Clicca "Mi piace"

A differenza di molti altri, ho sempre usato lo strumento di Google Places per la ricerca di località, ascoltando le sue "raccomandazioni" un po' qua e un po' la, per più di un anno.

Non starò qui a dire che places garantisce la migliore selezione o che ha influenzato il mio grafico sociale, semplicemente andava più veloce di tutte le applicazioni per il suggerimento delle località nel mio dispositivo android.
Quindi devo ammettere che è stato un addio agrodolce nel momento in cui Google ha deciso di rimpiazzare Google Places con il nuovo Google + Local, un servizio che ti offre recensioni e impressioni su località da parte dei tuoi amici o di altre persone.
Questa nuova feature è disponibile come tab sulla sinistra di Google+, ed immediatamente ti proietta in una lista di luoghi vicini alla tua attuale posizione con le relative recensioni.
E' una cosa abbastanza figa, organizzata per categorie, inclusi ristoranti, bar, pub, hotel e intrattenimenti in genere.
Ovviamente la lista dei luoghi è ancora un po' prematura, ma dal momento che stanno pescando dal vecchio archivio di Google places, potremmo essere sorpresi di quanta roba ci sia lì dentro.
Potete dare un'occhiata allo screenshot in basso per avere una idea del layout, e individuare la tab sulla sinistra:



L'integrazione con Google Maps è snella e veloce, e l'user interface è pulita, con un bel po' di spazio bianco senza pubblicità fino ad ora.
Che tu sia un amante o meno di Google+, bisogna ammettere che questa è stata una trovate carina che fa salire ulteriormente le quotazioni di Google+ e può segnare alcuni step interessanti nei servizi location based.

Lo utilizzerai anche tu...?

Ti è piaciuto questo articolo? Clicca su "Mi piace"
Inserisci un nuovo commento

Articoli correlati

Blog Chat e Community

© 2012 Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di Emade realizzati in xHTML 1.0 Strict.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons.