Come sincronizzare le foto su Facebook da iPhone e Android

03 Gennaio 2013 09:16:18. Scritto da . 0 commenti
Condividi questo articolo con i tuoi amici. Clicca "Mi piace"

Da un po’ di tempo ormai gli utenti di Facebook che accedono al social network tramite smartphone sono tantissimi. Facebook come già detto fino ad ora investirà molto sul settore mobile, infatti ha da poco introdotto una nuova funzionalità per tutti gli utenti che utilizzano smartphone con sistemi iOS e Android, ovvero la sincronizzazione delle foto. Con questa funzione ogni volta che verrà scattata una foto dalla smartphone automaticamente la foto verrà anche caricata su Facebook, in un album privato che soltanto tu potrai vedere, in modo da scegliere poi quale rendere visibile e quale no.
Il servizio funziona allo stesso modo di come funziona iCloud, mettendo a disposizione degli utenti in maniera gratuita uno spazio 2 GB per sincronizzare le foto che vengono scattate direttamente dal tuo smartphone.
Ma come funziona in realtà la sincronizzazione?
Quando verrà attivata la sincronizzazione automaticamente Facebook creerà un album privato fra le foto del tuo profilo, che conterrà tutte le foto che sono state scattate dallo smartphone sul quale è stata abilitata la sincronizzazione, queste foto potranno essere visualizzate soltanto da te, fino a quando non deciderai quali condividere e quali no. Una volta sincronizzata una foto una notifica ti informerà dell’avvenuta sincronizzazione.
Per attivare la sincronizzazione delle foto è necessario utilizzare l’ultima versione aggiornata dell’applicazione di Facebook per Smartphone Android e iPhone. A questo punto basta andare sulle foto dal proprio profilo e cliccare sul link “Sincronizzate” in basso, e successivamente su “Sync Photos”. A questo punto la sincronizzazione delle foto sarà attiva.

Ti è piaciuto questo articolo? Clicca su "Mi piace"
Inserisci un nuovo commento

Articoli correlati

Blog Chat e Community

© 2012 Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di Emade realizzati in xHTML 1.0 Strict.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons.