Facebook Promuove Gruppi d’acquisto online

03 Maggio 2011 08:28:58. Scritto da . 0 commenti
Condividi questo articolo con i tuoi amici. Clicca "Mi piace"


Si potrebbe definire la guerra dei coupon, a patto che si raggiunga il numero minimo per l’acquisto. In pratica arriva su Facebook la vendita a poco prezzo di offerte solo per un numero minimo, ma non massimo di persone. Cene a basso costo, biglietti per il cinema addirittura ad un euro, concerti a prezzi ridotti, offerte insomma imperdibili.
Facebook è nuovo nel campo, ma già altre società, come Groupon, LivingSocial, e altri fornitori, avevano adottato questa tecnica di vendita, che sembra oltretutto essere una buona fonte di nuovi clienti.

Finora in Italia l'unico operatore esistente era Tuangon.it, ma il mercato è destinato ad ampliarsi. Il modello è quello dei gruppi di acquisto, ma anziché essere in tanti e fare richiesta di sconto per un determinato prodotto, quest'ultimo viene già offerto: è quindi sufficiente raggiungere un numero minimo prefissato di partecipanti. Sarà quindi nell'interesse dell'utente, diffondere l'offerta per raggiungere il numero necessario di persone ad ottenerla.
Il meccanismo è semplice e soprattutto sicuro: in pratica basterà registrarsi sul sito che propone l’offerta e pagare tramite pay-pal o carta di credito. Il bello è che i soldi non verranno ritirati a meno che non venga raggiunto il numero minimo di acquirenti. Ciò comporterà oltretutto anche l’aumento di registrazioni sul sito che propone l’offerta, in quanto chi è interessato ad ottenerla farà in modo che più persone ne vengano a conoscenza.
Per ora le prime offerte si concentrano sulle città di Milano e Roma, ma il fenomeno si diffonderà presto anche a Torino, Genova, Bologna, Padova, Napoli, Firenze ed entro l'estate arriverà sulla riviera romagnola.
 

Ti è piaciuto questo articolo? Clicca su "Mi piace"
Inserisci un nuovo commento

Articoli correlati

Blog Chat e Community

© 2012 Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di Emade realizzati in xHTML 1.0 Strict.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons.