Meglio un messaggio romantico o un post sui Social Network?

01 Ottobre 2012 09:09:55. Scritto da . 0 commenti
Condividi questo articolo con i tuoi amici. Clicca "Mi piace"

E' educato dichiarare pubblicamente l'amore per il vostro partner su Facebook o Twitter?

Forse no, ma secondo l'ultimo sondaggio del sito di incontri Zoosk, la maggior parte delle persone lo fa.

Ti fa arrabbiare sapere che mentre tu sei a casa con il tuo gatto il marito della tua collega la stava aspettando a casa dopo una lunga giornata in ufficio con una bottiglia di vino?

Nessuno sa perché la gente sente il bisogno di condividere sui social network giorno per giorno quello che succede nella propria vita coniugale. Solo il 51% delle donne e il 37% degli uomini sono convinti che condividere foto e aggiornamenti di stato romantici sono la dimostrazione che l'amore è reale.

Si possono condividere un paio di foto di un viaggio o di una cena con il proprio partner per mostrare agli amici quello che si sta facendo, ma la maggior parte delle conversazioni personali con il proprio partner accadere tramite e-mail, messaggi di testo o di persona.

L'81% delle coppie utilizza la tecnologia per interagire tra loro mentre il 78% preferisce ricevere un messaggio dal proprio partner piuttosto che un post sdolcinato su Facebook o Twitter.

Ma il 60% di loro ha ammesso di usare i social network per trasmettere i sentimenti che provano verso i loro partner o per condividere foto e video di un momento passato con il proprio partner.

Una cosa che ferma le persone dalla condivisione è la paura di rivelare troppe informazioni a chiunque guardi il suo profilo.

Secondo il sondaggio, il 60% delle persone ci pensa due volte prima di pubblicare qualcosa di romantico sul proprio profilo, e il 38% non pubblica nulla di romantico.

Ti è piaciuto questo articolo? Clicca su "Mi piace"
Inserisci un nuovo commento

Articoli correlati

Blog Chat e Community

© 2012 Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di Emade realizzati in xHTML 1.0 Strict.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons.