Quanto guadagna Facebook? Ecco i risultati finanziari del terzo trimestre.

22 Ottobre 2012 09:11:07. Scritto da . 0 commenti
Condividi questo articolo con i tuoi amici. Clicca "Mi piace"

Facebook ha annunciato che il 23 ottobre presenterà la relazione sui risultati finanziari del terzo trimeste del 2012.

Dal 26 luglio, quando la società ha dichiarato di avere perso 156 milioni di dollari, è cambiato molto. Ma cosa dirà Mark Zuckerberg riguardo agli ultimi tre mesi?
A luglio il valore di ogni azione di Facebook era di 26,85$, ma ora il valore si aggira ai 20$.
Nel secondo trimestre il sito ha avuto 955 milioni di utenti e 543 milioni di utenti su mobile. Anche la pubblicità sul social network era maggiore che in precedenza.
Ma dal secondo trimestre a ora è cambiato molto, e Facebook ha provato diversi modi per aumentare le entrate.
Da alcune settimane Facebook ha provato ad aumentare il commercio sul sito anche attraverso regali. Il social network ha annunciato anche l'introduzione di collezioni come quelle di Pinterest, un'altro modo per motenizzare l'attività del sito.
L'analista di BTIG Richard Greenfield ha affermato che nel terzo trimestre i ricavi saranno maggiori, soprattutto grazie all'aumento degli annunci, ma a causa della presenza sempre maggiore di pubblicità l'utilizzo da parte degli utenti risulterà in calo.
Questo incremento continuo della pubblicità ha un impatto negativo nei confronti degli utenti, specialmente sui dispositivi mobili.
Zynga, famosa azienda che sviluppa giochi, è fortemente legata a Facebook, e nella propria relazione finanziaria trimestrale non ha avuto risultati positivi. Secondo il sito per questo anno ci sarà una perdita netta prevista tra i 90 e 105 milioni di dollari.
Secondo voi cosa rivelerà la relazione finanziaria trimestrale di Facebook?
Per saperlo basta aspettare il 23 ottobre.

Ti è piaciuto questo articolo? Clicca su "Mi piace"
Inserisci un nuovo commento

Articoli correlati

Blog Chat e Community

© 2012 Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di Emade realizzati in xHTML 1.0 Strict.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons.