5 modi per proteggersi dai malware

13 Ottobre 2010 13:11:45. Scritto da . 0 commenti
Condividi questo articolo con i tuoi amici. Clicca "Mi piace"

Il social network è una delle forme più evolute di comunicazione in rete e non è mai stato così popolare come ai giorni nostri. Esistono molti siti di social network e data la loro forte notorietà, diventano spesso fonte di malware, ovvero software creati con il solo scopo di causare danni più o meno gravi al computer su cui vengono eseguiti. Sfortunatamente l’espansione di questi software aumenta sempre più poiché è molto semplice per i pirati informatici intrufolarsi in social network di grandi dimensioni. Uno dei siti più colpiti è Facebook poiché vanta un’utenza che corrisponde all’8% della popolazione mondiale.


Ecco 5 consigli per proteggersi online:

  1. Cambiare spesso la password:

È uno dei più antichi consigli e un’ottima misura cautelare. Non è mai troppo difficile per un hacker ottenere o indovinare una password, basta azzeccare la risposta alla domanda impostata dall’utente che possiede quell’account e rubarne l’identità online.

  1. Fare attenzione a ciò che riceviamo dagli amici, non sempre è sicuro:

Bisogna fare attenzione a ciò che riceviamo, anche se inviato da fonti sicure non è detto che non possano essere dei virus.

  1. Fare attenzione quando si accede alle applicazioni:

Potrebbero essere dei virus e danneggiare il proprio computer.

  1. Aggiornare spesso l’antivirus:

Bisogna fare un periodico aggiornamento degli antivirus poiché sono programmi che rallentano l’afflusso costante di malware.

  1. Accertarsi che il proprio browser web e il proprio sistema operativo non siano attaccati dagli spammer:

Succede frequentemente, il più attaccato è Internet Explorer. Meglio utilizzare Mozilla o Google Chrome.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Clicca su "Mi piace"
Inserisci un nuovo commento

Blog Chat e Community

© 2012 Grafica e layout sono di esclusiva proprietÓ di Emade realizzati in xHTML 1.0 Strict.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons.