Facebook 2011 sperimenta le notifiche per le applicazioni

19 Dicembre 2010 19:10:05. Scritto da . 0 commenti
Condividi questo articolo con i tuoi amici. Clicca "Mi piace"

Facebook ha iniziato un test a breve termine per vedere le reazioni degli utenti alle notifiche delle richieste di applicazioni.

 

E' un piccolo passo che potrebbe avere un enorme impatto sulla piattaforma.

 

Qualvolta si riceverà l’invito di una qualsiasi app, comparirà una notifica nel giusto tab, come già succede per i commenti o le conferme di amicizia.

 

Facebook ha fatto un annuncio importante:
 

“I giochi e le applicazioni sono fondamentali per l'esperienza di molti utenti su Facebook, e per questo siamo costantemente impegnati a migliorarne le caratteristiche, proprio per coinvolgere e interagire con gli utenti del social network". Come avrete notato, stiamo testando nuove richieste nel campo delle notifiche. Stiamo misurando l'impatto di questo test a breve termine per vedere se si tratta di qualcosa utile agli utilizzatori di giochi e applicazioni.”


Questa è un’ottima opportunità per ripristinare l'accesso alle notifiche giacché le richieste, per la maggior parte, sono state relegate ad aree non di primo piano.

 

In questo momento ci sono due riconferme primarie e canali di acquisizione: i contatori (nella barra di navigazione di sinistra) e le applicazioni.

 

Tutto ciò potrebbe cambiare come illustrato nella figura seguente:



L'unica cosa rimasta senza risposta è: in che modo gli utenti rispondono ai cambiamenti?

 

Finora solo pochi utenti si sono lamentati dei nuovi cambiamenti.

 

Se i risultati saranno positivi, il nuovo sistema di notifiche diventerà standard per tutti gli utenti nel corso del 2011.

 

Facebook ha optato in favore di cambiamenti al fine di "migliorare l'esperienza utente".


 

Ti è piaciuto questo articolo? Clicca su "Mi piace"
Inserisci un nuovo commento

Articoli correlati

Blog Chat e Community

© 2012 Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di Emade realizzati in xHTML 1.0 Strict.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons.