5 difetti di Instant Personalization

08 Ottobre 2010 18:12:48. Scritto da . 0 commenti
Condividi questo articolo con i tuoi amici. Clicca "Mi piace"

Facebook ha iniziato ad accelerare il web con programmi di personalizzazione immediata (Instant Personalization). Il numero di siti partner di recente è passato da tre a cinque, e una partnership con società come YCombinator, destinata ad ampliarsi notevolmente il numero che nei prossimi mesi ottenendo un "accesso prioritario" per le varie tecnologie tra cui Facebook "Facebook Credits,  Instant Personalization e le prossime funzionalità beta.
Instant Personalization consente a un sito web di apprendere automaticamente l'identità di un visitatore senza alcun intervento esplicito da parte dell'utente, a condizione che il visitatore è un utente di Facebook. È probabilmente il cambiamento più invasivo della vita privata introdotta dalla società quest'anno, e potrebbe portare a un profondo cambiamento nel modo in cui il web funziona e viene percepito.
Sarà difficile per gli utenti capire esattamente quali dati saranno resi pubblici.


In questo articolo esamineremo i 5 difetti fondamentali di Instant Personalization:

1.  Tutte le informazioni trasmesse attraverso Instant Personalization sono disponibili tramite Facebook Connect; il solo scopo di Instant è quello di eliminare l'elemento di autorizzazione utente dal processo. Se un utente rifiuta di utilizzare Facebook Connect, forse avrà un buon motivo per farlo.

 2. Ciò che è molto preoccupante è consentire sempre la propria identità durante la navigazione. L'idea che un sito web conosce i dati dell’utente è di per sé inquietante, le persone sono fortemente a disagio quando si sentono "seguite", sopratutto navigano sul web. Ciò avverrà perché un numero di dispositivi di localizzazione invisibili potranno essere annidati all'interno di una pagina.

3.  Instant Personalization è una strada a doppio senso: mentre il sito partner ottiene l'accesso all’identità dell'utente, Facebook assimila le URL delle pagine visitate dagli utenti e sarà in grado di monitorare una grande frazione di click che si fanno in giro per il web.

4. Normalmente, un partner di Instant Personalization può vedere solo i clic sul proprio sito. Dal punto di vista tecnico, il caricamento di una pagina o un widget in un iframe non è diverso da visitare direttamente il sito. Questo significa che è fattibile per un partner di Instant Personalization monitorare il numero di clic .

5.  Finora è stata descritta la mancanza di barriere tecnologiche ai vari tipi di abuso di Instant Personalization. Tuttavia, Facebook vieta contrattualmente partner di abusare dei dati. La domanda è se questo è efficace.
E 'troppo presto per dirlo ancora.

Tuttavia, ci sono due cose che Facebook può fare per attenuare l'entità del danno. Il primo è quello di rendere pubblici sia le specifiche tecniche e le Condizioni d'uso del programma di Instant Personalization; il secondo è quello di far applicare sanzioni per i partner con i siti non conformi alle pratiche di utilizzo dei dati.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Clicca su "Mi piace"
Inserisci un nuovo commento

Blog Chat e Community

© 2012 Grafica e layout sono di esclusiva proprietÓ di Emade realizzati in xHTML 1.0 Strict.
I contenuti sono distribuiti con licenza Creative Commons.